logo TODAY 24 Gela
Gela, IT
23°
Partly Cloudy
FESTA | In rettoria

Gela riabbraccia Rita, la santa dei casi impossibili. Da lunedì le celebrazioni a Sant’Agostino


di Redazione

Gela riabbraccia Rita, la santa dei casi impossibili. Da lunedì le celebrazioni a Sant’Agostino
15 Mag 2020

Si celebrerà nella Chiesa di Sant’Agostino in Gela la tradizionale festa di Santa Rita da Cascia, molto venerata dal popolo gelese, nel pieno rispetto delle normative ministeriali e regionali che regolamentano l’attuale emergenza sanitaria disposta per il contenimento e la gestione dell’epidemia nonché nel rispetto del Protocollo d’intesa stipulato con la Conferenza Episcopale Italiana. I festeggiamenti inizieranno lunedì 18 Aprile con la Solenne Celebrazione Eucaristica e riavvio dell’Adorazione Eucaristica perpetua nella Chiesa della Divina Misericordia in San Francesco di Paola nel centenario della nascita di San Giovanni Paolo II. La celebrazione si potrà seguire in diretta dalla pagina facebook e dal canale You-Tube di Today24. Martedì, 19 Maggio inizierà il Triduo in onore di Santa Rita, predicato dal diacono don Carmelo Salinitro; le messe verranno celebrate alle ore 9 alle ore 19. Venerdì, 22 Maggio, Festa di Santa Rita da Cascia, le Sante Messe mattutine saranno alle ore 7:30 – 9:00 – 10:30. Alle ore 12:00 Solenne Celebrazione Eucaristica presieduta dal nostro Vescovo S.E.R. Mons. Rosario Gisana. Nel pomeriggio le S. Messe saranno alle ore 16:00 – 17:30 – 19:00 – 20:30. Dopo ogni Celebrazione Eucaristica seguirà la benedizione delle rose e la venerazione della Reliquia della Santa. Il triduo e la Celebrazione presieduta dal nostro Vescovo saranno trasmesse in diretta da Rete Chiara, (canale 813), dal Canale You-Tube e nel profilo facebook del Centro di Spiritualità Nazionale della Misericordia.
“Benediciamo il Signore – afferma don Lino di Dio, Rettore della Chiesa di Sant’Agostino e Vicario foraneo della Città – per la ripresa delle celebrazioni Eucaristiche nelle nostre Chiese, però chiediamo ancora a tutti la massima prudenza, vigilanza e senso di responsabilità. Dobbiamo ripartire, ma con la consapevolezza che, dobbiamo ancora convivere con questo mostro invisibile poiché l’emergenza sanitaria e sociale non è terminata! Noi come comunità ci atteniamo a tutto quello che il protocollo governativo ha stabilito di concerto con i Vescovi Italiani. Una ditta specializzata ha già sanificato tutti gli ambienti ecclesiali e abbiamo fatto dei sopralluoghi con le forze proposte per cercare di vivere questa festa, così cara al popolo gelese, con serenità e devozione. Abbiamo moltiplicato le Celebrazioni per dare a più fedeli l’opportunità di partecipare, in sicurezza, alla Santa Messa. E per questo siamo costretti, seguendo la normativa vigente e il distanziamento sociale, a fare accedere massimo 60 persone per ogni messa. A tutti però verrà data la possibilità di poter venerare Santa Rita. E proprio per evitare assembramenti ingestibili, nostro malgrado, non è stato possibile celebrare la solenne Eucarestia all’esterno e fare la breve processione ma sicuramente non verrà meno la nostra venerazione alla grande Santa delle Cause impossibili. Chiediamo ai fedeli, per il bene proprio e di tutti, di attenersi scrupolosamente alle normative dettate dal Protocollo, evitando ogni forma di assembramento davanti la Chiesa e in Piazza Sant’Agostino”.
L’ingresso dei fedeli per la Messe sarà contingentato e verrà gestito con prenotazione telefonica al numero 0933 1907203, già attivo. Coloro che vorranno partecipare non devono avere una temperatura corporea superiore al 37,5 e devono essere muniti di dispositivi di protezione (guanti e mascherine); verrà data la possibilità di igienizzare all’ingresso le mani. L’antica e venerata statua di Santa Rita, sarà collocata davanti al portone dell’ingresso del Convento per dare a tutti la possibilità di esprimere la propria devozione alla grande Santa delle Cause impossibili e per l’omaggio delle rose.


Redazione
Today 24 è un quotidiano on line indipendente, fondato nel 2014 da Massimo Sarcuno. Ogni giorno racconta i fatti e le notizie di Gela, Niscemi, Riesi, Butera, Mazzarino e di molti altri comuni del comprensorio. In particolare l’area del Vallone.