logo TODAY 24 Gela
Gela, IT
24°
Partly Cloudy
MOBILITÀ | Nuove regole

Gela: Ztl, domani parte nel centro storico. Lungomare vietato alle «superbici» e limite di velocità fissato sui 20 chilomeri orari


di Redazione

Gela: Ztl, domani parte nel centro storico. Lungomare vietato alle «superbici» e limite di velocità fissato sui 20 chilomeri orari
3 Lug 2020

«Per come l’abbiamo pensata, definisco l’attivazione della zona a traffico limitato una scelta molta coraggiosa e ci auguriamo che possa aiutarci a regolamentare la movida senza dimenticare le esigenze di tutti gli altri». Lo dice il vicesindaco, Terenziano Di Stefano, nel presentare il nuovo provvedimento che, in parte decorre da domani, per il resto partirà tra qualche giorno. Dopo averla sperimentata e averla estesa anche ad altre zone del centro storico anche per quest’anno il comune istituisce la Ztl sul lungomare Federico II di Svevia. I dettagli sono stati illustrati questa mattina in municipio. Presenti oltre al Di Stefano, il comandante della Polizia Municipale, Giuseppe Montana. La Ztl sul lungomare partirà a metà mese, da domani invece sarà attiva quella del centro, sul Corso Vittorio Emanuele, con i seguenti orari:

  • da lunedì a giovedì dalle 18 alle 2 dall’angolo di via Marconi a Via Trieste
  • venerdì, sabato e domenica dalle 18 alle 2 dall’angolo di via Cocchiara a via Trieste, e alcuni tratti di via Marconi e via Rossini
    In questi giorni e in queste fasce orarie, non potendo circolare e sostare i mezzi se non quelli autorizzati e di emergenza, non saranno valide le strisce blu e l’amministrazione invita tutti ad usufruire gratuitamente del parcheggio Arena, aperto h24.

Per quanto riguarda la Ztl del lungomare, interesserà il tratto di strada compreso tra la via Vasile e la via Borsellino, con una corsia riservata ad area pedonale larga 4 metri e una corsia centrale di 3 metri con senso unico di marcia da est verso ovest riservata, dalle ore 20 alle 2 di ogni giorno, al transito dei veicoli di pronto soccorso, di emergenza e di pronto intervento, per i quali, se in servizio, sarà consentita anche la sosta e la fermata. La circolazione e la sosta saranno possibili anche per i mezzi adibiti all’espletamento di servizi di pubblica utilità quali illuminazione e nettezza urbana e per quelli autorizzati adibiti al trasporto di soggetti con disabilità. Ovunque sarà istituito il limite dei 20 km/h; autorizzati i velocipedi normali, esclusi quelli a pedalata assistita. Cinque stalli saranno riservati ai veicoli della Capitaneria di porto (in servizio) di fronte al pontile, due per le operazioni di carico e scarico merci in via Dalmazia e uno di fronte alla Capitaneria.

Tali provvedimenti avranno efficacia non appena sarà installata e definita la segnaletica stradale e sino alle ore 2 del 14 settembre 2020. Per le attività commerciali sarà obbligatorio, nell’allestire gli spazi esterni anche tramite pedane in legno, lasciare uno spazio di almeno 90 cm per passeggini e carrozzine per i disabili.

I residenti, dal momento in cui la ZTL sarà attiva, potranno transitare ma non sostare, e poiché l’area interessata verrà ampliata rispetto al passato, l’invito che il comandante Montana ha voluto lanciare è stato, per chi ancora non ne fosse in possesso, di richiedere agli uffici il pass e di collaborare sostando al parcheggio Arena o nelle vie limitrofe al lungomare nelle ore interessate dal provvedimento. Per quanto riguarda tassisti e Ncc l’obbligo sarà quello di comunicare tramite Pec il proprio transito in zona almeno 3 ore prima, stessa cosa per le auto da cerimonia dirette a Palazzo Mattina.

«Tanti – dice il vicesindaco – sono stati gli incontri con i cittadini e i commercianti per arrivare a questa soluzione, che, di certo, è perfettibile, ma quello che ci preme è vedere come risponde la città. Abbiamo incontrato anche la consulta dei disabili, e con essa si è stabilita l’istituzione di 15 stalli di sosta riservati».


Redazione
Today 24 è un quotidiano on line indipendente, fondato nel 2014 da Massimo Sarcuno. Ogni giorno racconta i fatti e le notizie di Gela, Niscemi, Riesi, Butera, Mazzarino e di molti altri comuni del comprensorio. In particolare l’area del Vallone.