GELA | Servizi ambientali

Il mistero dei cestini scomparsi e della buccia di banana galeotta Idiosincrasia di una città per il decoro


di Redazione

Il mistero dei cestini scomparsi e della buccia di banana galeotta
politica
27 Gen 2020

Un nuovo mistero si fa strada in città: la scomparsa dei cestini. Nessuno conosce il motivo, non ci sono evidenze di una qualche mano aliena. No, è sempre la stessa storia, l’inciviltà. Il caso ci viene segnalato da un nostro lettore, trovatosi ieri con una buccia di banana che voleva semplicemente gettare nel cestino e non abbandonare in strada. Ma la buona volontà è valsa a poco, di cestini nella zona in questione (la via Recanati), non ce n’era neppure uno. Anzi, in realtà uno c’era, piegato su se stesso e ricolmo di rifiuti. Poi il nulla. Il nostro lettore indispettito ci racconta di avere provato a capire meglio e solo a uno sguardo più attento ha notato che in realtà i «paletti» reggi cestino c’erano ancora: mancavano solo i «recipienti» in acciaio.

Mistero inspiegabile? Mano aliena? Magia di una notte?

No, è bastato chiedere qua e là per scoprire che tempo fa un residente, indispettito dal fatto che «gli gettavano la cartaccia (e pure qualche sacchetto coi resti dell’anguria) vicino casa» ha preferito semplicemente… smontarlo e gettarlo via.

All’altro residente il cestino dava invece noia per il parcheggio dell’auto, quell’altro lo ha semplicemente svitato perché il furgone della Tekra faceva rumore di notte. Insomma, perle di inciviltà.

Bene, stante così le cose, ci passi una considerazione. Va bene le difficoltà del servizio, la Tari, il sindaco X che può piacere, l’assessore Y che può starci meno simpatico. E Renzi e Conte, i populisti e i sovranisti.

Ma di fronte a gente che sfascia i cestini semplicemente perché ce li ha sulle scatole… è veramente troppo.

Del resto siamo abituati a questo tipo di urbano sopruso.

Ci raccontano di panchine pubbliche «prelevate» in centro storico perché servivano in campagna, di bevai del Consorzio «smontati» perché a qualcuno necessitavano le lastre di pietra bianca. Perfino di cabine telefoniche divelte e portate a casa per usarle come capanno degli attrezzi.

E forse – a questo punto – di cestini dei rifiuti riciclati come vasi su cui piantare il prezzemolo.

Misteri e miserie di una città dalle mille risorse, spesso offuscate da inciviltà e scarso senso civico.


Redazione
Today 24 è un quotidiano on line indipendente, fondato nel 2014 da Massimo Sarcuno. Ogni giorno racconta i fatti e le notizie di Gela, Niscemi, Riesi, Butera, Mazzarino e di molti altri comuni del comprensorio. In particolare l’area del Vallone.

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la navigazione e il sito stesso. Premendo il tasto “Accetta” o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web, accetterai l’utilizzo dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi