logo TODAY 24 Gela
Gela, IT
14°
Partly Cloudy
LAVORATORI | Protesta

Infermieri, pochi e sottopagati, flash mob di sensibilizzazione. Nursind: «Né angeli, né eroi, chiediamo solo attenzione»


di Redazione

Infermieri, pochi e sottopagati, flash mob di sensibilizzazione. Nursind: «Né angeli, né eroi, chiediamo solo attenzione»
people
12 Giu 2020

«Né angeli né eroi, ma professionisti della salute», questo lo slogan di un flash-mob organizzato per rivendicare il ruolo della categoria anche dopo l’emergenza Covid, all’interno del sistema sanitario. L’obiettivo è quello di di sensibilizzare le istituzioni rispetto alla necessità di potenziare gli organici, premiare il lavoro svolto dagli operatori sanitari con riconoscimenti economici, risolvere il problema del demansionamento e garantire le condizioni di sicurezza nei luoghi di lavoro.
La manifestazione, svoltasi a Palermo, con la partecipazione di una delegazione del Nursind di Caltanissetta, ha voluto ricordare le vittime del Covid-19 che hanno lottato per i cittadini e intende anche sensibilizzare le istituzioni affinché chi lavora negli ospedali abbia le garanzie di sicurezza per proteggere sé e i cittadini
«Il Governo regionale – dicono gli organizzatori – deve farsi carico a livello nazionale per cercare di garantire un contratto dignitoso alla categoria che dia riscontro al valore che oggi ha la professione infermieristica nel panorama sanitario nazionale. Oggi il lavoro notturno degli infermieri è retribuito a 2,74 euro l’ora. Una giornata di lavoro festivo (Natale, Pasqua) è retribuita circa 17 euro lorde. Gli infermieri che lavorano nelle Terapie intensive percepiscono 4,13 euro lorde per ogni giornata lavorativa. Nei reparti di malattie infettive gli infermieri percepiscono 5,13 euro lorde per ogni giornata lavorativa. Noi chiediamo di rivedere urgentemente le dotazioni organiche, perché gli infermieri oggi non devono essere un costo ma al contrario una risorsa per il sistema sanitario regionale».


Redazione
Today 24 è un quotidiano on line indipendente, fondato nel 2014 da Massimo Sarcuno. Ogni giorno racconta i fatti e le notizie di Gela, Niscemi, Riesi, Butera, Mazzarino e di molti altri comuni del comprensorio. In particolare l’area del Vallone.