logo TODAY 24 Gela
Gela, IT
24°
Partly Cloudy
LAVORI | Volontariato

Niscemi: bitume e lavoro di braccia per riparare le buche. La vera cittadinanza attiva dell’imprenditore Presti


di Alberto Drago

Niscemi: bitume e lavoro di braccia per riparare le buche. La vera cittadinanza attiva dell’imprenditore Presti
attualità
8 Giu 2020

Nell’era dell’emergenza sanitaria lo spirito di volontariato e la cittadinanza attiva possono costituire un concreto aiuto per il miglioramento di diversi servizi, anche della viabilità urbana. Giuseppe Presti, titolare di una impresa edile della città, accortosi che diverse strade dell’abitato presentano delle buche sull’asfalto, ha spontaneamente deciso di rendere gratuitamente come cittadino attivo e con spirito di volontariato un servizio alla città, al fine di migliorare le condizioni della viabilità interna. Presti infatti, con il suo camioncino, si è messo all’opera nel viale Mario Gori e in via Marconi, strade che sono parecchio transitate dai veicoli e che conducono verso il centro storico, dove ha riempito con l’asfalto caldo tutte le buche presenti nel manto stradale.

E ciò per contribuire a migliorare le condizioni della viabilità urbana.

«È un momento di grande emergenza – dice l’imprenditore – che pone un po’ tutti nella condizione di riflettere, di sostenere notevoli sacrifici e quindi di contribuire un po’ tutti per quanto è possibile in questa fase delicata a rendere quando migliore la nostra città. Per quello che è stato possibile fare come cittadino in questo senso operante nel settore edile, ho solo dato un mio piccolo e modesto contributo  alla città coprendo qualche buca con l’asfalto caldo e con la speranza di avere reso un po’ migliori rispetto a prima le condizioni di viabilità nelle due strade».

Non è escluso che nei prossimi giorni Giuseppe Presti possa contribuire a migliorare anche la viabilità in via Aldo Moro con il riempimento di diverse buche con l’asfalto caldo.


Alberto Drago
Giornalista pubblicista, niscemese doc, ha lavorato in varie redazioni locali e regionali, contribuendo negli anni Novanta alla nascita di Antenna Sud. Impegnato nel volontariato con l’associazione nazionale Carabinieri. Collabora con il quotidiano La Sicilia. Ha fondato e diretto il periodico “L’Appunto”.