CORONAVIRUS | Ordinanze

Niscemi città surreale nei giorni del contenimento, le strade sono deserte Accolto l'ultimo appello del sindaco


di Alberto Drago

Niscemi città surreale nei giorni del contenimento, le strade sono deserte
attualità
25 Mar 2020

Strade dell’abitato quasi deserte di veicoli e persone ieri in città. Niscemi, giornate surreali, come ad esempio domenica scorsa. Sporadica la circolazione di qualche automobilista e quasi totale assenza di pedoni nelle strade, tranne pochi con i cagnolini al guinzaglio nei marciapiedi e nei pressi delle loro abitazioni. Aspetti che dimostrano un adeguamento sempre crescente da parte della popolazione ad assumere al momento nuove e rigorose abitudini e ritmi di vita quotidiana volte a limitare al massimo le uscite di casa e solo nei casi strettamente necessari. Più quindi passano i giorni nei quali si alza la guardia per l’emergenza Coronavirus, più la popolazione sembra che continui responsabilmente a prendere coscienza ai continui appelli del sindaco Massimiliano Conti a non uscire di casa per evitare possibili esposizioni al contagio. E ieri l’assenza di transito veicolare e di pedoni nelle strade della città è stata anche determinata dalla chiusura di tutti i supermercati che il primo cittadino ha disposto in applicazione dell’Ordinanza n. 6 del 9 marzo emessa dal presidente della Regione siciliana, con la quale è stata stabilita nei giorni festivi la chiusura di tutte le attività commerciali, anche dei supermercati e generi alimentari, ad eccezione della farmacia di turno e delle edicole. Il provvedimento vieta anche alle attività di ristorazione di effettuare servizi di consegna a domicilio. Il sindaco Massimiliano Conti nella sua recente diretta social su Facebook ha fatto rilevare il senso di responsabilità di tanti cittadini nell’abbattimento del muro dell’omertà relativamente alla segnalazione di un’eccessiva presenza di veicoli e persone nelle strade.

«Si tratta di incoscienti – dice il primo cittadino – che ancora non hanno compreso i rischi di contagio che corrono aggregandosi fuori nelle strade, anziché evitare di uscire quanto più è possibile».


Alberto Drago
Giornalista pubblicista, niscemese doc, ha lavorato in varie redazioni locali e regionali, contribuendo negli anni Novanta alla nascita di Antenna Sud. Impegnato nel volontariato con l’associazione nazionale Carabinieri. Collabora con il quotidiano La Sicilia. Ha fondato e diretto il periodico “L’Appunto”.

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la navigazione e il sito stesso. Premendo il tasto “Accetta” o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web, accetterai l’utilizzo dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi