logo TODAY 24 Gela
Gela, IT
24°
Partly Cloudy
INCIDENTE | Sp 233

Niscemi: un rombo di motori per l’ultimo addio commosso a Saverio. Funerali nella Chiesa Avventista


di Alberto Drago

Niscemi: un rombo di motori per l’ultimo addio commosso a Saverio. Funerali nella Chiesa Avventista
3 Lug 2020

Tanto dolore, lacrime e commozione nella Chiesa cristiana Avventista del Settimo Giorno, in via Tito Livio, dove sono stati celebrati i funerali di  Saverio Liardo, l’imprenditore edile di 38 anni, coniugato e padre di una bambina di tre anni, che martedì della settimana scorsa, ha perso la vita  nella Sp 233 Niscemi – Santo Pietro in sella alla sua Honda «Hornet 600». Il centauro, mentre percorreva la strada all’altezza di contrada Marfisa, è uscito improvvisamente fuori strada e si è schiantato contro una rete di recinzione di un terreno sottostante alla strada e retrostante ad un canneto.

La moto ed il corpo privo di vita del motociclista niscemese sono stati rinvenuti seminascosti dalla vegetazione a terra a pochi metri di distanza mercoledì mattina dai carabinieri di Caltagirone, su segnalazione di un agricoltore.   

Ad aiutare gli investigatori a chiarire nei dettagli la dinamica dell’incidente sarà l’esito della perizia medico legale conseguente all’autopsia, eseguita nell’obitorio del cimitero di Caltagirone su disposizione dell’autorità giudiziaria.

Tutti segnati da un profondo dolore nel volto i familiari, i parenti e gli amici, del giovane. Un giorno quello del triste addio a Saverio,  caratterizzato nei social anche da commoventi commiati da parte degli amici. «Sei come un fratello – scrive un amico – e sarai sempre nel mio cuore nei miei pensieri e nei miei ricordi; hai colmato la vita dei tuoi amici con il tuo sorriso ed anche nel modo di scherzare».

«Parleremo sempre di te perché oramai non sei solo un ricordo, ma la gioia della vita».

«Se potessi dare solo qualche piccolo frammento della mia vita per farti tornare indietro lo farei amico mio».

«Ti voglio bene e sempre te ne vorrò».

«Non è un Addio, ma un arrivederci, ora rendi speciale anche il Paradiso» solo per citarne alcuni.

Doloroso per i familiari il distacco a conclusione dei funerali, quando la salma è stata condotta fuori dalla chiesa e posta nel carro funebre per essere trasportata al cimitero.

Commovente, in viale Mario Gori, al passaggio del feretro posto nel carro funebre, l’addio dei amici motociclisti a Saverio: lo hanno omaggiato con un triste rombo delle loro moto.

Intanto si sta cercando di capire cosa abbia potuto causare l’uscita di strada del motociclista niscemese, forse un animale sbucato all’improvviso dal bordo della strada o un altro veicolo che potrebbe aver tagliato involontariamente la strada durante un sorpasso. Non si escludono neppure l’ipoteso del malore o la presenza di un avvallamento che potrebbe aver fatto perdere il controllo della moto.

Le indagini dei carabinieri sono ancora in corso.


Alberto Drago
Giornalista pubblicista, niscemese doc, ha lavorato in varie redazioni locali e regionali, contribuendo negli anni Novanta alla nascita di Antenna Sud. Impegnato nel volontariato con l’associazione nazionale Carabinieri. Collabora con il quotidiano La Sicilia. Ha fondato e diretto il periodico “L’Appunto”.